Vanempo passito

Vanempo PASSITO

Il “Passito” nasce dalle stesse uve dalle quali nasce l Aura : il Trebbiano il San Colombano (autoctono toscano ) e la Malvasia Bianca . La vendemmia e tardiva fine ottobre viene fatta una scelta delle uve migliori che vengono messe su dei cannicci ad appassire fino al 25 Dicembre in quei giorni viene preso la ciocca appassita e pressata compreso il raspo , fino a ottenere un siero che viene messo in botti di 60 lt che hanno mediamente piu di 50 anni vecchissime. All'interno delle botti vie è presente un 50% di prodotto ( che fa da matrice dei gusti e chiamato in Toscana Madre " La madre") presente dagli anni prima al quale aggiungiamo l annata. Mediamente per ogni annata in uscita in percentuale troviamo all interno delle botti 10 vendemmie con questo passaggio con un notevole calo di resa da 100 litri in definitiva ne vengono imbottigliati 25 lt. Questo permette di avere un prodotto ricco al naso e al palato di tantissima frutta secca con sentori di noci mandorle albicocca liquirizia e tabacco ma non dolce e stucchevole ma con una grandissima acidita che ripulisce il palato rendendolo fresco con un residuo di zucchero i 122 ottimo con formaggi e pasticceria secca.

Signori, Vi presentiamo Vanempo Passito.

SCHEDA TECNICA:
Zona di Produzione: Cicignano - Comune di Montemurlo (Prato) Toscana , Italia
Altitudine: 285 mt circa s.l.m
Superfice vitata: HA 1,6 di cui 1 impiantati nel 1967 e 0,6 impiantati nel 1980
Esposizione: Sud
Produzione annua: 19 quintali
Agricoltura: Biodinamica
Vitigni: San Colombano 45%, Trebbiano 35%, Malvasia Bianca 20%
Terreno: Argilloso, Calcareo, medio impasto, ricco di scheletro
Forma di coltivazione: A spalliera con potatura a capovolto (vigne vecchie ); guyot (resto degli impianti)
Vendemmia: 2° settimana di Ottobre, manuale, in cassette.
Vinificazione: Vasche di acciaio (lieviti propri) con rimontaggi e follature manuali per 6 giorni.
Affinamento: 13 mesi in barrique non di primo utilizzo malolattica naturale seguiti da 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Gradazione alcolica: 14 gradi
Filtri: Non filtrato
Abbinamenti: Formaggi stagionati erborinati, capriolo, agnello, baccalà in umido.
Caratteristiche: Colore intenso quasi ambrato (ricorda il vinsanto). Al naso risulta intenso, floreale, con profumi di mandorla e albicocca; in bocca è strutturato, lungo e potente.
Temperatura consigliata per la degustazione: 18 gradi. Non abbattere troppo la temperatura: il vino tende ad intensificare il colore ambrato per poi riprendere il suo colore naturale al riscaldarsi nuovamente.
Temperatura di conservazione: max 22 gradi.
  Aprire sempre 30 minuti prima, i biodinamici non sono vini pronto effetto.
 
  DOWNLOAD
scheda tecnica